viaggio nella costituzione

Presentazione: perchè questo sito? PDF Print E-mail

1. Mi pare doveroso condividere con il “navigatore” (e, spero, lettore) l’origine e le ragioni di questo sito internet, che unisce, in modo inusuale ma NON casuale, temi “importanti e seri” come i principi della Costituzione e le regole della democrazia, con un linguaggio adatto ai giovani e con “la leggerezza ed il divertimento” di un racconto a fumetti.

2. Il sito, inoltre, unisce e salda fra loro un libro (che si intitola per l’appunto “Viaggio a fumetti nella Costituzione”) ai molti incontri nelle scuole e con gli studenti che si sono già svolti o si svolgeranno sui medesimi temi, ed anche questo NON è casuale, perché il libro trae spunto da una serie di incontri (La Repubblica dei Ragazzi, Ministero dello sviluppo economico, novembre 2007 – maggio 2008) ed a propria volta vuole essere lo stimolo ed il volano per organizzare nuovi incontri (Costituzione, giudici e cittadini di domani, di prossimo avvio presso il TAR del Lazio, I principi fondamentali della Costituzione, regole e valori della democrazia per i cittadini di domani: incontro con gli studenti delle scuole medie a Roma e poi in numerose Università italiane, in corso di organizzazione e molti altri) che il sito cercherà di comunicare con la massima tempestività.

3. Questo è, allora, il vero senso del sito: consolidare nel tempo il rapporto fra i cittadini di domani e le regole ed i valori della nostra democrazia anche collaborando con gli insegnanti, favorire la diffusione del libro e dei suoi contenuti (riportati nel sito per ampi stralci) e promuovere, con le scuole, l’organizzazione di iniziative di dialogo e confronto con gli studenti.

4. Tutto questo nasce un po’ per gioco e un po’ per amore a Pasqua del 2007, con Maria Laura, la prima dei miei tre figli, allora undicenne, che chiede di capire il mio ruolo di magistrato amministrativo temporaneamente impegnato quale capo ufficio legislativo nell’ambito del Governo, e che insieme ai figli e nipotini dei miei colleghi di quell’ufficio scrive la prima “Legge della Repubblica dei ragazzi”.

Prese così avvio la prima iniziativa che, in risposta ad un bando pubblico, vide fino al maggio 2008 la partecipazione, presso il Ministero dello sviluppo economico, di circa 800 studenti di 21 scuole medie provenienti da tutte le regioni italiane, che, come legislatori in erba, scrissero, discussero ed approvarono, sotto la guida procedurale del Prof. Antonino Lusi (consigliere parlamentare del Senato della Repubblica), 14 proposte di legge poi consegnate al Presidente della Repubblica.

Fin dall’incontro inaugurale mi fu vicino insieme a tanti eccezionali amici (Allocca, Apponi, Clementi e molti altri), al Ministro ed i suoi collaboratori, al Capo di Gabinetto ed ai colleghi dell'Ufficio legislativo dello Sviluppo Economico di allora, anche Alfonso Celotto, geniale e simpaticissimo, avvocato e professore universitario di diritto costituzionale, conosciuto quale capo ufficio legislativo delle Politiche comunitarie, ma prima di tutto papà di Marco, figlio dodicenne giustamente esigente.

5. Sulla base della duplice esperienza, di quegli incontri con gli studenti e di genitori di figli curiosi di sapere e capire, Alfonso ed io siamo forse riusciti a sciogliere le nostre non semplici competenze professionali in un linguaggio accessibile ai più giovani, anche per mezzo di vignette e disegni, ed anche riprendendo in mano pennini e pennelli, amore di gioventù che avevo abbandonato da più di 35 anni!.

E’ stato quindi del tutto naturale estendere e consolidare il nostro rapporto con gli studenti, con “Viaggio a fumetti nella Costituzione”: un libro scritto a quattro mani per illustrare in modo semplice e spiritoso, ma con grande attenzione al rigore scientifico, la nascita ed i principi fondamentali della Costituzione, le regole della democrazia ed i meccanismi di funzionamento della nostra Repubblica e dell’Unione Europea.

Alfonso ha subito coinvolto Alfredo De Dominicis, titolare di Editoriale Scientifica Srl, piccolo ma autorevole e coraggioso editore di Napoli, che ha abbracciato con entusiasmo “la causa” ed ha contenuto all’inverosimile i costi per favorire la diffusione anche fra gli studenti più “spiantati”. Infine il libro, che per la parte storica attinge a volti, nomi e storie rigorosamente veri, della mia famiglia di origine e dei miei amici più cari, grazie a Solveig Cogliani (ben presto “arruolata” nell’avventura insieme a Francesco Riccio, Mariangela Caminiti, Ada Russo, Luigi Consoli e tanti altri amici e colleghi del TAR Lazio), il 31 gennaio scorso è stato presentato presso la Galleria d’arte Lombardi a Roma, con un successo di pubblico superiore ad ogni aspettativa.

6. A prescindere dalla circostanze anche fortuite che ho narrato, è però evidente che il libro, le iniziative con gli studenti e questo sito, rispondono ad un preciso progetto di impegno civile e culturale, volto a favorire una maggiore conoscenza e condivisione dei valori della nostra democrazia presso i giovani ed una maggiore consapevolezza dei propri diritti e doveri da parte dei cittadini di domani, nell’ambito del principio di legalità, perché, come dice il Presidente della Repubblica nel brano di apertura del libro, “andare a ricercare nella Costituzione risposte alle esigenze di oggi, ai problemi, alle difficoltà può essere un esercizio molto fruttuoso”, ed anche perché “siamo tutti sulla stessa barca” (come dice il titolo del libro) e quindi la futura qualità di vita, nostra, dei nostri figli e dei loro figli nel nostro Paese, dipende dalla qualità dei cittadini di domani, che sono, non dimentichiamolo, i ragazzini di oggi.

Così come osservato dal Presidente della Repubblica nel commentare la prima iniziativa qui descritta, proprio i ragazzi che stiamo incontrando nelle scuole mostrano una grande (e almeno in parte inaspettata) “sensibilità per i temi più importanti della vita civile” (probabilmente dovuta anche ad “eroici” maestri e professori ed alla grande palestra di libertà d’informazione e di dialettica ormai costituita da internet), che ci conferma, con ile parole del Capo dello Stato, nella nostra scelta circa la grande opportunità che iniziative di questo tipo vengano ancora intraprese e perseguite”.

E allora…buon Lavoro a Tutti e Auguri a chi saprà costruire il proprio futuro !

Raffaello Sestini

 

INIZIATIVE CON GLI STUDENTI

SETTEMBRE 2015
Continuano gli incontri al TAR di Roma con gli studenti delle scuole superiori del Lazio

 
18 FEBBRAIO 2010
Convegno al Consiglio di Stato
Ore 15:30, Roma: i lavori saranno disponibili sul sito! 
 

 

DAL SITO DEL QUIRINALE

costituzione